Riflessioni

Successo e piccoli sforzi

“Il successo è la somma di piccoli sforzi, ripetuti giorno dopo giorno”.

Robert Collier, The Secret of Ages – 

Questa frase mi ha fatto molto pensare. Soprattutto mi ha fatto molto riflettere sulla comune (e a mio parere sbagliata) visione del successo: esso è spesso visto come una sbarra altissima da saltare con un grosso slancio, piuttosto che come il frutto di un impegno graduale e costante.

Il risultato? Spesso quella sbarra appare troppo alta e scoraggia anche solo a provare il salto.

Quante volte ti sei prefissato degli obiettivi che ti avrebbero condotto alla tua vita ideale come persona o come professionista eccellente e stimato?

E quante volte, poi, li hai disattesi?

Quante volte hai poi pensato di gettare la spugna perché sembrava fosse impossibile arrivare al successo?

Certo, mettersi in discussione ogni giorno è normale, è normale anche fallire, soprattutto quando continui a darti ripetutamente un grosso obiettivo che ti accorgi di non riuscire a raggiungere. Questo perché probabilmente non hai ancora riflettuto sul fatto che il successo non è determinato dal sognare di saltare quella sbarra e alzare una coppa in mano: il successo è piuttosto la conseguenza di una perseveranza e della voglia di andare “oltre”.

Probabilmente anche tu, come me, trascorrerai ogni giorno a impegnarti per migliorare le tue competenze e poter quindi aspirare a fare quel passo in più. Tuttavia, mentre il lavoro si fonda sulle competenze, il successo si fonda invece sulle scelte e i risultati. Ecco perché è importante, sì, migliorare le proprie competenze, ma è ancora più importante incanalarle in scelte giuste e coraggiose per avere successo.

Una chiave per il successo? Avere costanza e fare ogni giorno cose nuove!

Ho conosciuto diverse persone che hanno raggiunto il successo nella mia vita e ho cercato di osservarle e carpirne i segreti. La maggior parte di loro mi hanno sempre detto che non avrebbero mai immaginato di arrivare dove si trovano ora. Si erano posti degli obiettivi, certo, ma ciò che ha portato davvero ad una differenza è stato fare cose concrete; e, soprattutto, fare ogni giorno cose nuove. Sperimentare, osare.

Porsi degli obiettivi è sicuramente importante per focalizzare il punto in cui vuoi arrivare nella tua vita personale e professionale, ma non servono a nulla se non cominci a pensare di doverlo raggiungere partendo dalle piccole cose, accumularle, provarne continuamente di nuove, migliorarle e provarne di nuove ancora.

Se ogni giorno metti in pratica solo ciò che hai appreso nella tua zona di comfort, ripetendo sempre le stesse azioni e decisioni che hai già sperimentato e che conosci bene, che puoi in qualche modo controllare, allora rimarrai sempre allo stesso livello. Questo non ti porterà a muoverti: rimarrai nella situazione in cui sei adesso e continuerai a vedere i tuoi obiettivi come un miraggio che difficilmente riuscirai a raggiungere.

Ecco perché spesso porsi degli obiettivi ha un effetto quasi contrario alle intenzioni: diventa demotivante pensare ad un futuro così lontano, soprattutto se non sai come agire nel piccolo e nel quotidiano.

“Il successo è la somma di piccoli sforzi, ripetuti giorno dopo giorno”.
E aggiungerei: sommati ai nuovi tentativi.

Trovo estremamente importante interrogarsi riguardo a queste cose. Spesso lavoriamo anche 12 ore al giorno e magari anche il week-end, compiendo sforzi enormi; poi ci accorgiamo che facendo sempre le stesse cose, quasi per automatismo, non abbiamo impiegato le nostre energie nel modo corretto.

Sei sicuro che la strada che stai compiendo ti porterà a diventare una persona e un professionista di successo e non semplicemente a rimanere nella zona di comfort dove ti trovi ora?