Riflessioni

Successo e Fallimento

“Il successo è un cattivo maestro. Seduce le persone intelligenti a pensare di non poter perdere”. – Bill Gates –

A volte mi chiedo se è utile fare affidamento sui successi ottenuti

La risposta che mi dò è: “Sì, ma non troppo!

Ce lo ricorda Bill Gates, imprenditore, filantropo, stabilmente nella top 5 degli uomini più ricchi del pianeta, uno che ha familiarità con il successo, ce lo ricorda in una delle sue frasi più celebri. 

A volte nella vita mi è capitato che i miei successi, gli obiettivi che ho raggiunto, hanno avuto un effetto contrario.

Quasi negativo. In pratica mi sono fatto fregare dall’idea non poter più sbagliare.

Quello che mi ha ricordato? Si impara dagli errori oltre che dai successi.

Il successo può ammaliare, sedurre e dare grande sicurezza fino a far pensare di essere infallibili o addirittura invincibili, ma puntare solo sui propri successi personali o di squadra per il futuro, può essere poco affidabile.

Chiaramente, è importante poter fare leva su tutti i traguardi ottenuti (personali, professionali, aziendali…) ma è altrettanto importante dover essere sempre pronti al “fallimento”, ricordarsi sempre che un momento di difficoltà può arrivare in un attimo, proprio quando non ci si aspetta di “cadere”

In qualsiasi contesto, solo chi considera sempre la possibilità del fallimento nel senso più ampio del termine ed è pronto ad accoglierlo, consapevole di potersi rialzare, può davvero ottenere nel lungo periodo i maggiori successi.

Accettare la caduta è la chiave per arrivare più in “alto”.

Sapere che il successo e il fallimento sono 2 facce della stessa medaglia, ci permette di continuare ad impegnarsi ogni giorno e divertirsi al massimo a fare ciò che si fa!