Riflessioni

Il coraggio di cambiare

Il mondo non ti deve nulla, sei tu che devi avere il coraggio di farlo arrivare a te.

Quante volte ci siamo sentiti dire che siamo noi gli artefici del proprio destino, il coraggio spesso è un mantra, un mezzo per raggiungere la propria felicità.

Partendo dal presupposto che in buona parte possiamo decidere noi ciò che facciamo e siamo, prendere le redini della nostra vita è una condizione pressoché naturale, ma solo lavorando su se stessi è possibile trovare e potenziare questa forza interiore

Spesso ci facciamo bloccare dalla paura dell’ignoto, del giudizio degli altri o del fallimento.

In più occasioni mi sono chiesto come sostituire quindi la paura con una diversa energia? Ecco alcuni consigli che sono stati in primis utili per me.

1) Conoscere e approfondire le cose: la paura deriva spesso dall’incertezza; ridurla verso le situazioni e gli aspetti importanti nella nostra vita è fondamentale per recuperare quel coraggio di cui abbiamo bisogno. Il futuro non è del tutto prevedibile, ma maggiori conoscenze possono aiutare a fare previsioni più sicure e attenuare la paura derivante dall’incertezza. 

2) Pensare a ciò a cui ambisci: la nostra mente ci fa percepire la perdita in modo più forte rispetto al guadagno. Quando intraprendiamo un cambiamento nel nostro percorso di solito ci chiediamo se perderemo quello che già abbiamo. Un passo avanti sta nel concentrarsi su pensieri utili, pensare a ciò che potremmo guadagnare intraprendendo la strada nuova per avere più coraggio e affrontare le sfide. Dopo tutto, se dovessimo perdere qualcosa questo potrebbe rivelarsi non così necessario per la nostra vita, un sacrificio necessario verso la nostra felicità; e cosa è il coraggio se non un normale desiderio umano di andare a conquistare ciò che si sogna?

3) Riflettere per avere una risposta: solo dentro di noi possiamo trovare la risposta alla nostra domanda: siamo felici o dovremmo cambiare qualcosa? Spesso ci lasciamo scorrere la vita addosso senza chiederci abbastanza quanto siamo felici. Pertanto, pochi minuti al giorno di riflessione ci aiuteranno a capire dove vogliamo andare. Il coraggio può venire da una presa di coscienza razionale, non solo dall’istinto.

4) Non rimandare: spesso il freno al cambiamento deriva dal fatto che ci convinciamo che ora non sia il momento. E se non lo è ora, quando? Forse ora è il momento di prendere il coraggio e lasciarsi alle spalle i dubbi che oggi ci paralizzano. Trovare scuse è qualcosa che facciamo automaticamente, e trovare un momento inappropriato per provare a cambiare è la cosa più semplice del mondo. Lasciarsi alle spalle i dubbi e le paure è qualcosa che ci porterà alla libertà, non alla paura. 

Osa, accetta la sfida di cambiare per recuperare il tuo coraggio, fai il primo passo. Vedrai come l’unica cosa che rimpiangerai sarà di non averlo fatto prima.

Ps avevo un certo timore di accarezzare il cavallo, ma poi siamo diventati amici